Cerca
  • matteo

Tratto da una storia Spaccista: il primo Bag-In-Box firmato Loverbeer

Ci sono i Fruit Lambic e poi ci sono le Wild Sour alla frutta.

La differenza è sottile ma lapalissiana: l'appellativo Lambic, fruttato o meno, è circoscritto all'area del Pajottenland. Tutto il resto del mondo produce birre fruttate a fermentazione più o meno selvaggia.


Prima ancora di essere un prodotto da bere, ordunque, le Wild Sour fruttate sono l'omaggio del mondo birrario al Grande Belgio. Questo è bene sottolinearlo.


Ebbene in Italia c'è un maestro che ha saputo firmare la birra con un tocco fruttato: il suo nome è Valter Loverier, per gli amici Mr. Loverbeer. Ma facciamo due passi indietro.


Nel biennio 2013/2014 il mondo assiste alla nascita della For Fan, leccornia a base di albicocca Tonda di Costigliole di Saluzzo, presidio Slow Food. Un nome che non nasconde un debole per la Fou' Foune, primordiale nettare degli dei a base di albicocche firmato da Cantillon senior. Un omaggio assai apprezzato: quella che doveva essere una one-shot è diventata avanguardia del birrificio piemontese, confermandosi pioniere italiano delle Wild Sour fruttate.


Oltre a essere una birra "alla frutta", For Fan è una Wild Sour. La fermentazione è infatti condotta da un manipolo di lieviti e batteri selvaggi addomesticati, ormai residenti in pianta stabile nella cantina del Maestro.


Tecnicamente non si tratta di fermentazione spontanea ma coinvolge comunque quattro dei suoi protagonisti: i più pacati Saccharomyces tanto cari ai birrai di tutto il mondo; poi i più birbantelli batteri lattici termofili (lactobacillus e/o pediococcus) e stacanovisti brettanomyces, pericolosamente voraci. Ed è qui che subentra la magia di Valter Loverier: allestire un sontuoso palcoscenico su cui andrà a recitare l'attore principale, ovvero il frutto proibito.


Ed eccoci all'acme della storiella di oggi: i Fruit-lambiek. Che non sono come Kriek o Framboise rifermentati in bottiglia. I Fruit-lambiek vengono serviti piatti, senza ulteriore rifermentazione in bottiglia.


Ebbene, cari i nostri ex-astemi, strabuzzate gli occhi: siamo su di giri, d'entusiasmo e di birra, nel comunicarvi che noi Spaccisti abbiamo tra le mani la tradizione che diventa innovazione, una vecchia idea finalmente realtà: la prima Wild Sour Fruit Beer piatta. Ovverosia il primo Fruit-lambiek italiano.


Siffatta birra alla frutta è a sua volta frutto dell'incontro tra la lungimiranza di Valter, che aveva era già stato pensato di portare in Italia quest'idea dal Belgio. Ma erano altri tempi e il mercato ancora impreparato. Così l'idea è caduta nel dimenticatoio. Finché è arrivato quel diavolo della Tasmania di Vanni Borin a resuscitarla e a darle il giusto fermento. Anzi, formato: il Bag-In-Box, assai comune tra i Fruit Lambic belgi. Tre litri di birra, amore e gioia infinita.


Fate posto in frigorifero e se non ne trovate eliminate tutto il resto. Stiamo arrivando!


Vi è venuta sete? Ecco il vostro Bag-in-Box di For Fan pronto da stappare!

32 visualizzazioni

04441838519

©2020 di Spaccisti Delivery